Pregi e limiti di un programma che può essere utilizzato per molti servizi

La sfida è garantire che lo strumento
sia in grado di comprendere correttamente la domanda posta dall’utente; I rischi sono le possibili risposte inappropriate dell’algoritmo

In un mondo in cui la tecnologia è sempre più avanzata e pervasiva, i ChatBot stanno diventando sempre più popolari. In un mercato globale dell’intelligenza artificiale che tocca oggi i 62,4 miliardi di dollari per arrivare, entro il 2026, a superare i 300 miliardi i ChatBot, che nel 2016 valevano 190,8 milioni di dollari, arriveranno infatti entro il 2025 a 1,25 miliardi di dollari, facendo registrare negli anni una crescita del +555%.
Ma cosa sono esattamente i ChatBot? In parole semplici, i ChatBot sono programmi che simulano una conversazione tra un utente e un sistema informatico, al fine di fornire un servizio o una risposta a una domanda. Questi programmi sono alimentati da algoritmi di intelligenza artificiale e apprendimento automatico, che permettono loro di imparare dalle conversazioni precedenti e di migliorare costantemente. Uno dei principali vantaggi dei ChatBot è che possono essere utilizzati in una vasta gamma di contesti, dal servizio clienti alla gestione dei processi aziendali.

©Foto di Charlotte May da Pexels.com

Ad esempio, molte aziende stanno utilizzando i ChatBot per automatizzare le interazioni con i clienti, consentendo loro di rispondere rapidamente alle domande più frequenti senza la necessità di un operatore umano. I ChatBot possono anche essere utilizzati per automatizzare i processi di acquisto online, consentendo ai clienti di effettuare ordini e pagamenti direttamente tramite chat.
Quando vengono utilizzati per fornire assistenza ai clienti, i ChatBot possono rispondere alle domande dei clienti e risolvere i problemi più comuni in modo rapido ed efficiente. Ad esempio, un ChatBot per il servizio clienti di un’azienda potrebbe aiutare l’utente a tracciare un ordine, fornire informazioni sui prodotti o risolvere problemi tecnici. Allo stesso tempo, nelle piattaforme di e-commerce i ChatBot sono in grado di guidare l’utente durante il processo di acquisto, fornendo raccomandazioni sui prodotti, rispondendo alle domande sulle loro caratteristiche e gestendo il processo di pagamento.
Ma i ChatBot non sono solo utili per le aziende. Possono anche essere utilizzati per scopi educativi, come ad esempio per insegnare nuove lingue o per fornire supporto agli studenti. Inoltre, i ChatBot possono essere utilizzati per fornire assistenza sanitaria, ad esempio aiutando i pazienti a monitorare i loro sintomi o a gestire la propria dieta. O, ancora, nel settore turistico i ChatBot sono utilizzati nella
gestione delle prenotazioni, di voli, hotel, ristoranti, consentendo agli utenti di trovare disponibilità e prenotare in modo rapido e facile.
Ma come funzionano esattamente i ChatBot? In linea di massima, i ChatBot sono alimentati da due tipi di algoritmi: l’algoritmo di comprensione del linguaggio naturale e l’algoritmo di generazione del linguaggio naturale. L’algoritmo di comprensione del linguaggio naturale consente al ChatBot di comprendere il significato di ciò che viene detto dall’utente, mentre l’algoritmo di generazione del linguaggio naturale consente al ChatBot di generare risposte appropriate in base alla domanda posta dall’utente. L’algoritmo di comprensione del linguaggio naturale è spesso basato sull’analisi semantica, che permette di comprendere il significato di una frase sulla base del suo contesto. Questo significa che il ChatBot deve essere in grado di riconoscere le parole chiave e le frasi chiave in una conversazione,
e di utilizzare queste informazioni per generare una risposta appropriata. L’ algoritmo di generazione del linguaggio naturale, invece, è basato sull’analisi sintattica, che permette al ChatBot di generare risposte in modo coerente e grammaticalmente corretto. Questo significa che il ChatBot deve essere in grado di generare frasi comprensibili e naturali, utilizzando il giusto tono e il giusto registro a seconda del contesto. Tuttavia, nonostante i numerosi vantaggi dei ChatBot, ci sono anche alcune sfide da affrontare.

 

©Foto di Helena Lopes da Pexels.com

Una delle principali sfide è quella di garantire che il ChatBot sia in grado di comprendere correttamente la domanda posta dall’utente. Ad esempio, i ChatBot possono incontrare difficoltà nella comprensione di domande complesse o malformate. In particolare, se la domanda contiene ambiguità, sarcasmo, ironia o parole inusuali, il ChatBot potrebbe non essere in grado di comprendere il
significato corretto della domanda e fornire una risposta inappropriata.
Sebbene i ChatBot siano progettati per essere in grado di simulare una conversazione umana, inoltre, essi mancano della complessità e della sottigliezza delle interazioni umane. I ChatBot non possono percepire le emozioni dell’utente, non possono stabilire un rapporto personale con l’utente e non possono fornire risposte altamente personalizzate come farebbe un essere umano. Per la stessa ragione, inoltre, potrebbero non essere in grado di fornire risposte altamente personalizzate in base alle esigenze specifiche dell’utente o gestire situazioni inaspettate o non programmate, come ad esempio una  conversazione imprevista o una richiesta inusuale da parte dell’utente.

ChatBot non percepisce le emozioni umane

In conclusione, i ChatBot rappresentano una tecnologia emergente che sta rivoluzionando la comunicazione tra le aziende e i loro clienti. Grazie ai ChatBot, le aziende possono offrire un servizio clienti sempre attivo, migliorare l’esperienza del cliente e aumentare l’efficienza operativa. Tuttavia ci sono anche alcune criticità, come la mancanza di umanità e la possibilità di errori di comprensione. Inoltre, alcuni utenti potrebbero preferire una comunicazione più tradizionale e diretta con il servizio clienti. Per massimizzarne i benefici è importante sviluppare ChatBot con un’attenta pianificazione e una
buona comprensione delle esigenze dei clienti. È anche importante offrire un’opzione di contatto umano per i clienti che desiderano una comunicazione più diretta.
In definitiva, i ChatBot rappresentano un’opportunità interessante per le aziende che vogliono offrire un servizio clienti migliorato e più efficiente. Con il giusto approccio, i ChatBot possono diventare
un prezioso alleato per migliorare l’esperienza del cliente e raggiungere i propri obiettivi aziendali.